Vetri antisfondamento: come seguiamo la normativa mantenendo alta la qualità

26/10/2022

 

Si fa presto a dire qualità: per molti è un concetto che assume caratteristiche decisamente diverse a seconda del settore e del prodotto/servizio offerto.

Per quanto ci riguarda, seguire la normativa nel settore dei vetri antisfondamento è solo un ulteriore tassello che si aggiunge alla qualità dei nostri prodotti.

Sin dalla nostra nascita abbiamo sempre puntato all’eccellenza, spinti dal desiderio di voler soddisfare il cliente a livello di prodotto e di consulenza offerti.

Come ci riusciamo? In cosa ci distinguiamo dagli altri? In questo articolo parleremo proprio di questo: di come le nostre superfici sono in grado di soddisfare anche le richieste più dettagliate.

 

Formazione, ma anche passione

La normativa dei vetri antisfondamento non implica soltanto l’esecuzione minuziosa di un preciso protocollo produttivo, ma prevede anche una serie di azioni che l’azienda può decidere o meno di adottare. Una di queste è la formazione, che ricade in quella sfera di interventi che ogni business decide se e in che misura è necessario.

Per noi la formazione diventa fondamentale per perseguire la qualità.

Controlliamo attentamente le materie prime, il modo in cui gli impianti lavorano, come procede il work flow. Tutto questo è eseguito da personale altamente qualificato che è formato con specifici corsi di specializzazione.

Ogni prodotto che viene installato viene “tracciato” anche dopo la consegna, con specifiche domande di follow up a chi si è occupato del progetto. Tutto questo ci aiuta a comprendere in che modo possiamo ulteriormente migliorarci.

 

I nostri standard interni di controllo qualità

 

A prescindere dalla normativa per i vetri antisfondamento, una delle nostre specializzazioni non riguarda solo la produzione di vetri, ma soprattutto l’analisi dei difetti che essi presentano.

Attraverso l’errore capiamo cosa si può migliorare, e interveniamo con e sul team per farlo.

Inoltre ogni nostro prodotto è creato seguendo le logiche di una filiera controllata: possiede infatti la Rote Card, che ci permette di ricostruire l’intero processo produttivo, dandoci elementi sulle materie prime utilizzate e sul personale impegnato per quella lavorazione. Un monitoraggio completo, che ci consente anche di ridurre gli scarti di produzione e di aderire alle caratteristiche richieste.

Come sviluppiamo i nostri prodotti? Gli studi DFMEA e PIFMEA sono il punto di partenza per evidenziare particolari criticità e analizzare tutti gli aspetti in campo che riguardano sia il vetro, sia chi lo produce per una validazione sicura del processo.